La Fondazione Enpam ha rinviato di un mese il termine per il pagamento della Quota A 2021.

La scadenza inizialmente prevista per il 30 aprile è stata spostata al 31 maggio.
La decisione è stata presa per dare tempo a tutti i medici e dentisti che ritengono di averne diritto, di fare domanda per l’esonero dei contributi previdenziali previsto dallo Stato con l’ultima legge di Bilancio. Quest’aiuto riguarda i professionisti che nel 2019 hanno avuto un reddito inferiore a 50mila euro e che nel 2020 hanno avuto un calo di fatturato o dei corrispettivi di almeno un terzo.

NUOVE DATE
Il rinvio riguarda anche la seconda rata della Quota A, che viene spostata al 31 luglio. Restano invece invariate le altre scadenze.
Diversamente dall’anno scorso, quest’anno pur essendoci un rinvio, il pagamento potrà avvenire in quattro volte.
Riepilogando, nel 2021 le date per il pagamento della Quota A saranno:
31 maggio (prima rata o rata unica, per chi paga in unica soluzione)
31 luglio (seconda rata)
30 settembre (terza rata)
30 novembre (quarta rata)
Chi ha attivato la domiciliazione bancaria riceverà l’addebito diretto sul conto corrente in queste date. Invece chi ha preferito mantenere l’opzione dei bollettini, potrà pagarli appena saranno disponibili nell’area riservata, anche prima delle scadenze indicate.

PER CHI CHIEDE L’ESONERO
Diverso il caso se si hanno i requisiti per mettere i contributi previdenziali a carico dello Stato. Per chi chiederà l’esonero dai contributi entro il 15 maggio, l’addebito diretto verrà infatti sospeso. Allo stesso modo chi avrà fatto domanda di esonero non dovrà pagare i bollettini. Il tutto temporaneamente, nella speranza che nel frattempo arrivi il decreto attuativo che ancora manca per rendere certi gli importi massimi e le condizioni affinché Enpam possa accordare ufficialmente l’esonero a chi ne ha diritto.
Online la domanda per il possibile esonero contributivo

 

torna all'inizio del contenuto